Autore Topic: Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw  (Letto 53272 volte)

cyp

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 902
  • Karma: 26
    • Mostra profilo
    • eserciziario-pittoriche.it
Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw: Il testo in paragrafi
« Risposta #15 il: 28 Novembre, 2011, 13:21:31 pm »
Ho operato un confronto solo per testo in paragrafi, dato che considero le tabelle una cosa a sé, e il testo grafico e quello su  tracciato rientrano nelle rispettive funzioni di elaborazione di tracciati dei vari programmi.

INKSCAPE
non gestisce nemmeno l'interlinea per punti, ma solo in percentuale, che non è una misura tipografica; in pratica non è possibile fare un confronto reale, la gestione del testo però è fluida. Non possiede stili di nessun tipo.
Può gestire i testi collegati in più parti, ma non è interattivo, quindi si applica e poi, se si deve fare una modifica alla forma, si deve togliere dal contenitore e riapplicarlo; il testo è però sempre editabile. Possiede crenatura e spaziatura modificabili in modo sempre corretto, e possibilità di testo in verticale. Da qualche versione permette di cambiare tipo e dimensione di font anche solo a qualche parola o lettera entro il paragrafo, e testo giustificato con ultima riga allineata a sinistra. E questo è tutto.

ADOBE ILLUSTRATOR
Possiede tutte le opzioni possibili ed immaginabili per il testo, anche se non allinea alla base del testo gli altri oggetti.
Non allinea veramente neanche il testo all'interno del riquadro in verticale, cioè alla base o al centro della cornice di testo, molto utile ad esempio per affiancare una didascalia in basso per un'immagine.
Può collegare solo 2 testi concatenati, quindi non è possibile avere documenti con testo più frazionato, ma può gestire fonts diversi sui due riquadri.
Comunque diventa molto pesante a muoversi anche con una sola pagina di testo fitta.
L'allineamento ottico non è efficace, anzi è assolutamente insufficiente per un occhio attento, a destra ma soprattutto a sinistra: in allegato un testo a confronto di scribus e di illustrator: la differenza è evidente con la stampa (il font è lo stesso, mi stupisce la deformazione che opera illustrator sulle sue proporzioni!). Non avvisa quando si stampa o pubblica in pdf se il testo è tagliato e quindi incompleto.
Nonostante le raffinate funzioni, non si riesce ad operare correttamente con la crenatura e la larghezza degli spazi, così per ottenere gli "a capo" uguali con quelli di scribus ho dovuto operare su questo ultimo, peraltro sempre molto preciso, per risolverli.

CORELDRAW
Possiede tutte le caratteristiche per il testo di Illustrator, più alcune funzioni particolari come "ridimensiona testo al riquadro", che consente di ingrandire solo la dimensione del font in modo da occupare tutto il riquadro di testo rispettando lo stile, o cosa veramente molto importante l'allineamento in verticale del testo nel riquadro, che manca anche a scribus.  Va detto che Inkscape, grazie alla sua particolare gestione dei testi in paragrafi, può con lo strumento "allinea e distribuisci" allineare il testo verticalmente in un riquadro, ma diciamo che il procedimento in sé non è proprio quello corretto, dal momento che  non gestisce ascendente e discendente del font ("allinea al testo" non è attivo).
L'unica cosa che coreldraw non possiede rispetto a Illustrator è l'allineamento giustificato con l'ultima riga allineata al centro o a destra, ma è facilmente ottenibile con un tabulatore, impostabile anche come stile. Può gestire grosse quantità di testo su molte pagine senza problemi di eccessivo appesantimento. La spaziatura caratteri funziona molto bene, ma non quella tra parole, che in aumento di spaziatura oltre 100% praticamente non lavora. Non esiste allineamento ottico ai margini. Non ho potuto stamparlo (periodo di prova programma scaduto), ma per esperienza passata ricordo che con coredraw la gestione del testo è molto efficente e buona, anche su testi lunghi, pur nei suoi limiti di non particolare precisione tipografica.

Non ho mai trovato un programma che consenta una "giustificazione totale anche su ultima riga" operando su più di una riga, cioè recuperando spazi da tutto il riquadro o magari anche solo dalla riga precedente, per evitare spaziature ridicole, e questo secondo me renderebbe molto più utilizzabile questo tipo di allineamento particolare.

cyp

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 902
  • Karma: 26
    • Mostra profilo
    • eserciziario-pittoriche.it
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #16 il: 28 Novembre, 2011, 13:23:17 pm »
aggiungo anche inkscape che non ci stava come kb... non so quanto sia corretto come pratica, ma lo faccio lo stesso.

spaventapasseri

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2563
  • Karma: 23
    • Mostra profilo
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #17 il: 28 Novembre, 2011, 14:52:12 pm »
Ho appena scaricato i files, che spaziature hai detto con Inkscape?
  

cyp

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 902
  • Karma: 26
    • Mostra profilo
    • eserciziario-pittoriche.it
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #18 il: 28 Novembre, 2011, 23:28:49 pm »
Sono quelle di interlinea: le trovi quando editi il testo sia in alto dopo apice e pedice, sia nella finestra di gestione testo "spaziatura linee". Veramente si usa anche l'interlinea in percentuale sul font, che è molto pratica, ma i tipografi hanno bisogno dei punti..
Se vuoi vedere la precisione dell'allineamento ottico devi mettere un righello bianco in verticale lungo il bordo del testo. Ovviamente stampato..

Steeler

  • Visitatore
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #19 il: 29 Novembre, 2011, 10:00:17 am »
Premetto che non uso bene inkscape; ma se lo sfondo del disegno è a tinta unita e trasparente, per modificare il testo andrebbe bene anche gimp.

Steeler

  • Visitatore
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #20 il: 09 Dicembre, 2011, 17:47:20 pm »
SEMI-OT

Conosco una persona che usa illustrator, non mi rivela "come fare questo?" e non mi rivela altre cose che riguardano i lavori di illustrator e PS.
Lentamente si sta disperdendo la nostra amicizia. ma forse è già dispersa. Io suppongo che da questa esperienza sia nato un sentimento a me nuovo:  il mio odio verso le persone gelose del proprio sapere.

desmovalvo

  • Full Member
  • ***
  • Post: 165
  • Karma: 9
    • Mostra profilo
    • Blinkimp - La grafica libera!
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #21 il: 10 Dicembre, 2011, 00:11:03 am »
Ti capisco! Credo che condividere cio' che si conosce sia una delle cose piu' belle che possano esistere...

SHADOW_LIONHEART

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
  • Ascoltate il mio ruggito...
    • Mostra profilo
    • SHADOWLIONHEART.IT - Assistenza e consulenza informatica
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #22 il: 10 Giugno, 2012, 20:18:23 pm »
Intervengo pure io sull'argomento.
Personalmente ho rimpiazzato Illustrator con Inkscape da un pezzo e da quello che ho visto c'ho solo guadagnato, anche perché per la grafica più avanzata uso solo ed esclusivamente Photoshop.
Ma se devo creare dei volantini, dei manifesti o per impaginare le cover per i sistemi basati su Linux e molto altro... allora l'accoppiata Photoshop + Inkscape allora è davvero imbattibile.
Corel Draw X5 ormai lo sto usando molto raramente.
Illustrator ha sempre avuto un gran difetto, oltre che costoso è pesantissimo.
Meno male che Inkscape si è rivelato un software davvero eccezionale sebbene la sua natura Open Source. Ma del resto non è mica detto che per avere il meglio ci sia bisogno di sborsare fior di quattrini, no?
ASUS G74SX-91085V. Intel® Core™ i7 2630QM 2.9 Ghz Sandy Bridge Quad Core, ram 16 GB DDR3 1333 MHz SDRAM, LCD 17.3" 16:9 (1920x1080 120Hz) Full HD 3D LED Backlight con Occhiali, NVIDIA® GeForce® GTX 560M 3GB GDDR5 VRAM, Dual HDD 2.5" SATA 500GB 7200rpm SSD ibridi (1 TB), Blue-ray Writer

spaventapasseri

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2563
  • Karma: 23
    • Mostra profilo
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #23 il: 10 Giugno, 2012, 21:36:54 pm »

Ma se devo creare dei volantini, dei manifesti o per impaginare le cover per i sistemi basati su Linux e molto altro... allora l'accoppiata Photoshop + Inkscape allora è davvero imbattibile.

per impaginare hai mai provato Scribus??
  

SHADOW_LIONHEART

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
  • Ascoltate il mio ruggito...
    • Mostra profilo
    • SHADOWLIONHEART.IT - Assistenza e consulenza informatica
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #24 il: 10 Giugno, 2012, 22:53:21 pm »

Ma se devo creare dei volantini, dei manifesti o per impaginare le cover per i sistemi basati su Linux e molto altro... allora l'accoppiata Photoshop + Inkscape allora è davvero imbattibile.

per impaginare hai mai provato Scribus??

Certo ma non mi soddisfa.
ASUS G74SX-91085V. Intel® Core™ i7 2630QM 2.9 Ghz Sandy Bridge Quad Core, ram 16 GB DDR3 1333 MHz SDRAM, LCD 17.3" 16:9 (1920x1080 120Hz) Full HD 3D LED Backlight con Occhiali, NVIDIA® GeForce® GTX 560M 3GB GDDR5 VRAM, Dual HDD 2.5" SATA 500GB 7200rpm SSD ibridi (1 TB), Blue-ray Writer

spaventapasseri

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2563
  • Karma: 23
    • Mostra profilo
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #25 il: 10 Giugno, 2012, 23:17:33 pm »

Certo ma non mi soddisfa.
Penso che in ambiente lavorativo tanto faccia l` esperienza maturata precedentemente con i vari tipi di software. Certo bisogna anche fare conto con le nuove tecnologie e i nuovi mezzi che oggi abbiamo a disposizione. Tanti anni fa era impensabile che CorelDraw fosse sostituito in ambiente lavorativo cosi come Illustrator per la grafica vettoriale.
Tanti grafici che ai tempi utilizzavano questi software continuano oggi ad utilizzarli , senza provare le alternative che negli anni sono nate.
Photoshop poi e' stato sempre un must. Il discorso di Scribus secondo me e' un po diverso,ha un grado di apprendimento non facile come potrebbe essere quello di Inkscape ma tuttavia ho visto bei lavori creati con Scribus e qui @Cyp sicuramente potra' essere piu` illuminante.

Ultimamente (ritornando al discorso Photoshop-Gimp) sto provando la versione 2.8 che finalmente ha le finestre uniche. Ma parlando con alcune persone del settore vedo sempre questa reticenza nei confronti di Gimp rispetto a Photoshop. Io credo che bisogni iniziare a parlare anche di Gimp come una reale alternativa a Photoshop, questo impone ovviamente uno studio di base che non deve essere messo da parte.Bisognerebbe impegnare risorse e mezzi nel progetto  per ampliarlo  maggiormente se pecca su alcuni punti.


Un discorso  a parte andrebbe fatto poi dal punto di vista professionale vero e proprio. Io credo che tutti possano imparare Gimp o Photoshop ma quanti conoscono tutte le funzioni di Photoshop. La suite Adobe ha innumerevoli funzioni ma conosco gente che utilizza sempre le stesse(livello amatoriale). Bisogna vedere un professionista serio e competente perche' ad oggi preferisce ancora Adobe. I motivi ci saranno(molti sicuramente legati alla grafica da stampa). Chissa' se un giorno Gimp soppiantera' definitivamente Photoshop
  

SHADOW_LIONHEART

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
  • Ascoltate il mio ruggito...
    • Mostra profilo
    • SHADOWLIONHEART.IT - Assistenza e consulenza informatica
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #26 il: 11 Giugno, 2012, 00:09:11 am »

Certo ma non mi soddisfa.
Penso che in ambiente lavorativo tanto faccia l` esperienza maturata precedentemente con i vari tipi di software. Certo bisogna anche fare conto con le nuove tecnologie e i nuovi mezzi che oggi abbiamo a disposizione. Tanti anni fa era impensabile che CorelDraw fosse sostituito in ambiente lavorativo cosi come Illustrator per la grafica vettoriale.
Tanti grafici che ai tempi utilizzavano questi software continuano oggi ad utilizzarli , senza provare le alternative che negli anni sono nate.
Photoshop poi e' stato sempre un must. Il discorso di Scribus secondo me e' un po diverso,ha un grado di apprendimento non facile come potrebbe essere quello di Inkscape ma tuttavia ho visto bei lavori creati con Scribus e qui @Cyp sicuramente potra' essere piu` illuminante.

Ultimamente (ritornando al discorso Photoshop-Gimp) sto provando la versione 2.8 che finalmente ha le finestre uniche. Ma parlando con alcune persone del settore vedo sempre questa reticenza nei confronti di Gimp rispetto a Photoshop. Io credo che bisogni iniziare a parlare anche di Gimp come una reale alternativa a Photoshop, questo impone ovviamente uno studio di base che non deve essere messo da parte.Bisognerebbe impegnare risorse e mezzi nel progetto  per ampliarlo  maggiormente se pecca su alcuni punti.


Un discorso  a parte andrebbe fatto poi dal punto di vista professionale vero e proprio. Io credo che tutti possano imparare Gimp o Photoshop ma quanti conoscono tutte le funzioni di Photoshop. La suite Adobe ha innumerevoli funzioni ma conosco gente che utilizza sempre le stesse(livello amatoriale). Bisogna vedere un professionista serio e competente perche' ad oggi preferisce ancora Adobe. I motivi ci saranno(molti sicuramente legati alla grafica da stampa). Chissa' se un giorno Gimp soppiantera' definitivamente Photoshop

Hai centrato perfettamente il punto.
Photoshop non può ancora sostituire Gimp, i motivi sono innumerevoli. Proprio perché lo uso dal 99 in ambito professionale quindi posso risponderti senza problemi ma senza nemmeno dilungarmi troppo.
Prima di tutto stiamo parlando di un software largamente usato e maturo in piena regola ed è conosciutissimo nella grafica professionale e il fotoritocco.
Le sue funzioni consentono i gestire al meglio i profili colore, i vari colori Pantone (che sono a dir poco innumerevoli) e di gestire i profili di stampa. Queste cose Gimp non le ha in maniera da rispecchiare le esigenze professionali. 
Infatti non ha il supporto alla quadricromia CMYK (che sono indispensabili per la stampa e la tipografia) ma si potrebbe pensare che la cosa possa essere tamponata in qualche modo. Sbagliatissimo!
Perchè se salviamo il lavoro su Gimp in RGB e convertirlo in CMYK e utilizzarlo per i colori Pantone poi quando si andrà in stampa... anch'esso è un ragionamento totalmente errato! Il perché? I profili possono guadagnare dal 10 al 20% del risultato che si vorrebbe raggiungere.
Quindi se mandate in stampa i vostri lavori in tipografia e non è stampato con gli stessi colori che avete stabilito non meravigliatevene, il problema è proprio l'intestardirsi a lavorare con il profilo RGB di Gimp, per forza visto che non può fare altro!
Vogliamo parlare di fotoritocco professionale, grafica per il web e simili? Gimp non ha queste capacità. E anche qui dimostra che si possono fare cose in maniera molto limitata.
Infatti chi lo usa a casa per motivi privati e amatoriali Gimp è migliore di Photoshop... ma la realtà è ben diversa. Photoshop permette di fare tutto e di più ma c'è pure chi sarebbe pronto a mettere la mano sul fuoco che il software di Adobe possa essere sostituito proprio da Gimp... niente di più sbagliato.
Gimp ha livelli, canali Alfa, ecc., su questo nulla ci piove e nessuno lo può negare ma se devo cominciare a fare grafica per la stampa... o anche grafica per il web Photoshop possiede funzioni adeguate per il web e permette in maniera estremamente dettagliata di ottimizzare l'immagine e controllarne la pesantezza, i tempi di caricamento e tanto altro. Gimp questa funzione non ce l'ha!
Vogliamo parlare del formato RAW? Sappiamo che Gimp non lo gestisce direttamente e occorre un programma per la conversione come il programma Ufraw (che converte i RAW in altri formati quali JPEG o TIFF) ed il plug-in ufraw-gimp.
Questo è un altro esempio quindi classico delle innumerevoli limitazioni di Gimp ed è lontano anni luce da Photoshop, specialmente se si tratta di uso professionale.
« Ultima modifica: 11 Giugno, 2012, 00:10:42 am da SHADOW_LIONHEART »
ASUS G74SX-91085V. Intel® Core™ i7 2630QM 2.9 Ghz Sandy Bridge Quad Core, ram 16 GB DDR3 1333 MHz SDRAM, LCD 17.3" 16:9 (1920x1080 120Hz) Full HD 3D LED Backlight con Occhiali, NVIDIA® GeForce® GTX 560M 3GB GDDR5 VRAM, Dual HDD 2.5" SATA 500GB 7200rpm SSD ibridi (1 TB), Blue-ray Writer

cyp

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 902
  • Karma: 26
    • Mostra profilo
    • eserciziario-pittoriche.it
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #27 il: 11 Giugno, 2012, 03:16:37 am »
Sono piuttosto d'accordo con @ SHADOW_LIONHEART..
Gimp diverso tempo fa è stato il primo programma libero ad avvicinarsi ad un livello professionale..e poi si è fermato. Per molti anni.

Ma non concordo su quello che veramente crea la distanza tra i due programmi. La grafica, anche quella pubblicitaria, sta cambiando molto. Sono sempre meno richieste di qualità "alta" in stampa foto-lito, come era una volta. Oggi quella stampa, con inchiostri che vengono assorbiti dalla carta e quindi hanno problemi di conversione, è relegata a lavori sempre più di seconda qualità, mentre la stampa di qualità è affidata al più brillante inchiostro che non si assorbe, tipo la laser, o come la chiamano i tipografi la "stampa digitale", che non ha problemi di conversione proprio perché non viene assorbito. Sempre più spesso i tipografi ti chiedono il jpeg (il mese scorso 3 su 3  tipografie a Vicenza), così come non sanno cosa sia un bodoni, o le legature dei caratteri, o che la moltiplicazione ha un segno proprio.. Sono cose che a mio modo di vedere stanno cambiando, probabilmente a buon diritto. Sta cambiando il significato di qualità grafica, come è cambiato il concetto di "stereo", di "orologio", di "accendino", di "penna" e tanti altri oggetti di qualità.

Vero è che photoshop ha molti punti di vantaggio a livello produttivo, se si vuole realizzare un lavoro finito. A livello di grafica raster i vantaggi sono un po' meno, ma sostanziali: la possibilità di eliminare filtri ed effetti senza eseguire a ritroso tutti gli annullamenti, il rav che però sembra approderà entro fine anno su gimp, e un raffinato controllo dei filtri.. e altre cose ancora..

SHADOW_LIONHEART

  • Newbie
  • *
  • Post: 11
  • Karma: 0
  • Ascoltate il mio ruggito...
    • Mostra profilo
    • SHADOWLIONHEART.IT - Assistenza e consulenza informatica
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #28 il: 11 Giugno, 2012, 03:43:35 am »
Sono piuttosto d'accordo con @ SHADOW_LIONHEART..
Gimp diverso tempo fa è stato il primo programma libero ad avvicinarsi ad un livello professionale..e poi si è fermato. Per molti anni.

Ma non concordo su quello che veramente crea la distanza tra i due programmi. La grafica, anche quella pubblicitaria, sta cambiando molto. Sono sempre meno richieste di qualità "alta" in stampa foto-lito, come era una volta. Oggi quella stampa, con inchiostri che vengono assorbiti dalla carta e quindi hanno problemi di conversione, è relegata a lavori sempre più di seconda qualità, mentre la stampa di qualità è affidata al più brillante inchiostro che non si assorbe, tipo la laser, o come la chiamano i tipografi la "stampa digitale", che non ha problemi di conversione proprio perché non viene assorbito. Sempre più spesso i tipografi ti chiedono il jpeg (il mese scorso 3 su 3  tipografie a Vicenza), così come non sanno cosa sia un bodoni, o le legature dei caratteri, o che la moltiplicazione ha un segno proprio.. Sono cose che a mio modo di vedere stanno cambiando, probabilmente a buon diritto. Sta cambiando il significato di qualità grafica, come è cambiato il concetto di "stereo", di "orologio", di "accendino", di "penna" e tanti altri oggetti di qualità.

Vero è che photoshop ha molti punti di vantaggio a livello produttivo, se si vuole realizzare un lavoro finito. A livello di grafica raster i vantaggi sono un po' meno, ma sostanziali: la possibilità di eliminare filtri ed effetti senza eseguire a ritroso tutti gli annullamenti, il rav che però sembra approderà entro fine anno su gimp, e un raffinato controllo dei filtri.. e altre cose ancora..

Ti ringrazio per il tuo commento.
Ma è bene chiarire diversi punti. Prima di tutto non è assolutamente vero che la grafica pubblicitaria sta cambiando, tutt'altro. Si attiene ancora a rigidi standard perché i requisiti sono sempre gli stessi, specialmente se si parla dei Pantoni, ecc.
Conosco benissimo Vicenza perché quando abitavo al nord viaggiavo spesso per motivi di lavoro tra Verona e Vicenza, questo perché avevo dei contatti vicino al Ponte degli Angeli e anche in altre località del vicentino come Torri di Quartesolo, Due Ville, ecc.
Il problema di Vicenza è che in termini di grafica pubblicitaria e informatica sono molto chiusi di cervello ed è stata una grande difficoltà con certa clientela mantenere dei rapporti di lavoro veramente seri. Per questo ho preferito tagliare con loro.
Verona già è un pò più "aristocratica" e in qualche modo ancora tutt'ora riesco ad avere dei rapporti di lavoro più seri.
Se mi parli che le tipografie del vicentino accettano anche file di secondo ordine per forza di cose che si adeguano, non hanno una clientela abbastanza esperta da poter fornire loro file adeguati e quindi pur di fare il loro lavoro chiudono un occhio.
Diversamente molte tipografie non si attengono agli standard attuali mi dici ma solo alcune, la maggioranza invece sanno bene quali sono i requisiti fondamentali, per questo non sei abituato ad avere a che fare con i veri standard della grafica e della stampa.
Che poi lo standard della stampa professionale industriale e delle tipografie sono due: il formato TIFF e il PDF. Entrambi vanno quindi rispettati e hanno il profilo colore incorporato che serve per la stampa professionale.
Se tu mi parli di stampanti casalinghe è chiaro che è sufficente il profilo colore RGB con inchiostri che hanno un gel che isola il foglio dal colore stesso e che permette quindi di non imbrattare il foglio.
Mi dispiace dirtelo ma in tutto quello che hai scritto sei fuori strada o molto probabilmente hai a che fare con dei veri dilettanti, il che opterei per quest'ultima perchè conosco benissimo la zona e anche il Veneto in generale.
Poi non dimenticare che le mie parole non sono dette a caso, ma sono frutto del mio lavoro e di una lunga esperienza anche con aziende pubblicitarie.

Edit: ti linko alcune chiare prove.
Azimut Grafica, Casale Monferrato (AL): http://www.azimutgrafica.it/preparare-files-per-la-stampa.php
Real Grafica, Ravenna: http://www.realgrafica.it - il loro PDF informativo per la stampa: http://www.realgrafica.it/images/pdf_per_ctp.pdf
Anche Wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Stampa_offset
http://it.wikipedia.org/wiki/CMYK
« Ultima modifica: 11 Giugno, 2012, 04:15:35 am da SHADOW_LIONHEART »
ASUS G74SX-91085V. Intel® Core™ i7 2630QM 2.9 Ghz Sandy Bridge Quad Core, ram 16 GB DDR3 1333 MHz SDRAM, LCD 17.3" 16:9 (1920x1080 120Hz) Full HD 3D LED Backlight con Occhiali, NVIDIA® GeForce® GTX 560M 3GB GDDR5 VRAM, Dual HDD 2.5" SATA 500GB 7200rpm SSD ibridi (1 TB), Blue-ray Writer

cyp

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 902
  • Karma: 26
    • Mostra profilo
    • eserciziario-pittoriche.it
Re:Inkscape a confronto con Illustrator e Corel Draw
« Risposta #29 il: 11 Giugno, 2012, 09:14:30 am »
Mah.. ripeto non sono del tutto d'accordo, nemmeno sugli standard PDF citati nei collegamenti. Può darsi che a Vicenza siano tutti un po' grezzi, benché lavoro anche con il Trentino.. ripeto secondo me la tendenza è ad un cambio nel concetto di qualità, però credimi non voglio essere polemico, e sicuramente tu hai più esperienza di me.. mio padre fondò una piccola casa editrice con tipografia, ma ormai ha chiuso i battenti da circa 5 anni, e io seguo solo dei lavori di grafica occasionali..

 


* shoutbox

Refresh History
  • La shoutbox non e' per supporto,per favore aprite un post per quello.Grazie
  • vect: ...Non sappiamo dire di no...è questo l nostro "vulnus"   123
    24 Novembre, 2022, 14:42:22 pm
  • bobol: già.....beviamoci su  :emoticon_cincin:
    24 Novembre, 2022, 14:47:10 pm
  • vect: ...a titolo parzialmente consolativo...il meteo sembra brutto quindi...il beviamoci su suona bene... :emoticon_cincin:
    24 Novembre, 2022, 15:28:51 pm
  • bobol: scgg
    24 Novembre, 2022, 15:34:10 pm
  • vect: ...Piove e fa freddo...una bella cenetta e poi...tutti a nanna! :emoticon_cincin:
    26 Novembre, 2022, 18:54:42 pm
  • bobol: Oggi una bella giornata di sole, Roma nord, fa freddo ma va benissimo così
    27 Novembre, 2022, 07:58:51 am
  • vect: ...Uguale, identico...Avanti tutta... sgde
    27 Novembre, 2022, 12:00:55 pm
  • bobol: Ed in men che non si dica ti ritrovi a letto è domenica notte e domani è di nuovo lunedì....e......sveglia alle 6 taaac
    27 Novembre, 2022, 22:35:46 pm
  • bobol: fdfe
    28 Novembre, 2022, 13:18:25 pm
  • vect: fdfe
    28 Novembre, 2022, 13:43:33 pm
  • vect:
    03 Dicembre, 2022, 09:38:04 am
  • bobol: jay
    04 Dicembre, 2022, 08:14:57 am
  • giga1: ho negato per errore l'accesso dalla mia scrivania e sono bloccato
    04 Dicembre, 2022, 15:28:35 pm
  • bobol: in che senso "hai negato l'accesso"?, da smartphone riesci ad accedere?
    04 Dicembre, 2022, 16:59:50 pm
  • Banjo-K: Buonasera e grazie a tutti per avermi ospitato in questa comunità. Qualcuno di voi sa perche' inkscape mi stampa solo in scala di grigi?
    05 Dicembre, 2022, 21:37:49 pm
  • Banjo-K: Sto impazzendo! Ho terminato un progetto e non posso stamparlo per il motivo che ho spiegato prima. Premetto che un po' di tempo fa stampavo tranquillamente a colori con inkscape.
    05 Dicembre, 2022, 21:40:18 pm
  • bobol: Banjo apri una discussione nel forum in modo da poter affrontare meglio la richiesta.
    06 Dicembre, 2022, 06:44:34 am
  • vect: Banjo-K - Giusto come dice @bobol, però non dimenticare versione di Gimp, Sistema Operativo e modello stampante.
    06 Dicembre, 2022, 07:05:04 am
  • vect: Rappresentiamo nella massima espressione --- L'Incompiuta di Schubert --- e ho detto tutto.  anoldtunes
    06 Dicembre, 2022, 16:19:05 pm
  • bobol: lauhh
    06 Dicembre, 2022, 19:11:16 pm
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.