Autore Topic: Guida a Blender  (Letto 32436 volte)

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
Guida a Blender
« il: 11 Novembre, 2017, 09:48:23 am »
Indice generale

0. Prefazione.

1. Introduzione a Blender.
     1.1 - Il cuore di Blender.
     1.2 - Anatomia di una Finestra (Modulo) di Blender.
     1.3 - Anatomia dei Layout di Blender.
     1.4 - Creare nuovi Layout personalizzati.
     1.5 - Utilizzare Blender con due o più monitor.
     1.6 - Rendere definitive le vostre modifiche (lo Start-Up File).

2. Le impostazioni di Blender.
     2.1 Le impostazioni di Blender.
     2.2 ‘Interface’ Preference.
     2.3 ‘Editing’ Preference.
     2.4 ‘Input’ Preference.
     2.5 ‘Add-ons’ Preference.
     2.6 ‘Themes’ Preference.
     2.7 ‘File’ Preference.
     2.8 ‘System’ Preference.

3. La 3DView (I Parte).
     3.1 Elementi della 3D View e primo Rendering di prova.
     3.2 Aggiungere elementi alla scena 3D.
     3.3 Zoom, Panning e Rotate della 3DView.
     3.4 Passare da una vista all’altra.
     3.5 Ridimensionamento, spostamento e rotazione degli oggetti nella scena 3D.

4. La 3DView (II Parte).
     4.1 Object Mode / Edit Mode.
     4.2 Le Selezioni: a, b, c, Ctrl i, Lazo, Ctrl+ e Alt.
     4.4 Il modulo Outliner.
     4.4 Gestione dei Layer.

5. La 3DView (III Parte).
     5.1 Lo Shading (Ombreggiatura).
     5.2 Le opzioni ‘Smooth/Flat’ dello Shading.
     5.3 il 3D Cursor e il Pivot Point.
     5.4 L’oggetto Camera.

6. Introduzione alla modellazione (I Parte).
     6.1 - Le normali.
     6.2 - Spostamenti di precisione.
     6.3 - Aggiungere Mesh (differenze tra Object Mode ed Edit Mode).

7. Introduzione alla modellazione (II Parte).
     7.1 Assi locali e globali.
     7.2 Il Mirror.
     7.3 Vertices, Edges, Faces e Specials (i quattro menu amici della modalità ‘Edit Mode’).
     7.4 Posizionare immagini di riferimento (background).

8. Modellazione (I Parte).
     8.1 Il comando 'Extrude'.
     8.2 Il comando 'Insect'.
     8.3 Il comando 'Make Face/Edge'.
     8.4 Il comando 'Subdivide'.

9. Modellazione (II Parte).
     9.1 Il comando 'Loop Cut and Slide'.
     9.2 Il comando 'Bevel'.
     9.3 L'importanza dell'Apply Transformation'.
     9.4 Il Proportional Editing.

10. Modellazione Pratica I.
     10.1 Modellare una confezione da barba.

11. Il modulo 'Properties'.
     (Work in progress...)
« Ultima modifica: 03 Gennaio, 2018, 10:26:00 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
Prefazione
« Risposta #1 il: 11 Novembre, 2017, 09:51:52 am »
0. Prefazione

A chi è rivolta questa guida
Questa guida di base è rivolta agli utilizzatori di Inkscape (o grafica vettoriale in generale) e a tutti coloro che non abbiano mai usato Blender (sia che abbiano altre esperienze 3_D, sia che siano neofiti assoluti).
Una volta assimilati i primi rudimentali concetti, potrete continuare il vostro percorso formativo in rete e in completa autonomia.
Dedicate a Blender, ci sono migliaia di Video Guide su Youtube, alcune di esse anche in Italiano; vanno segnalati i Canali Youtube di Francesco Andresciani  e Francesco Milanese; una veloce ricerca e vi si aprirà un mondo.
Da segnalare anche la comunità italiana di Blender, http://www.blender.it/ luogo fondamentale per  continuare a migliorare, grazie ad una comunità dal profilo marcatamente sopra la media.

Dove scaricare Blender
Blender è disponibile con licenza OpenSource presso il sito ufficiale https:\\www.blender.org , sezione Download. Esistono versioni 32/64bit per Windows, Linux e OS X. Per Windows esiste anche la versione Portable in formato .Zip, che non necessita di installazione.

Le particolarità di Blender
Sono essenzialmente due. La prima è che a differenza della maggior parte dei programmi esistenti, non usa l’LMB (Left Mouse Button) per la selezione degli oggetti, bensì l’RMB (Right Mouse Button). Se usate più programmi contemporaneamente questo potrebbe crearvi confusione. Per fortuna questa è un’opzione presente nello  ‘Users Preferences’ di Blender e più avanti vedremo come modificarla.
La seconda è che è concettualmente ideato per essere utilizzato tramite shortcut da tastiera (anche se non obbligatorio, questo approccio è preferibile) e questo all’inizio potrebbe, anzi sicuramente, genererà confusione. Credo che i primi tempi, a tutti sia capitato di voler dare un comando, ma di non ricordare la conbinazione di tasti… veramente frustrante (!) Per questo motivo vi consiglio di crearvi un piccolo file .TXT dove annotare man mano gli shortcut acquisiti. In aggiunta, il file in oggetto, potrà essere usato anche per annotare piccoli promemoria, nomi di add-on e molto altro. Personalmente il ‘mio TXT’ è posizionato sul Cloud (nel mio caso OneDrive) in modo da accedervi in qualsiasi momento da qualsiasi postazione, anche dal cellulare.

Requisiti Hardware
I requisiti minimi sono molto bassi e considerando la potenza del software, questo ha del miracoloso. Un vecchio PC (anche economico) del 2007/2008 dovrebbe già essere in grado di soddisfarli. Certo non aspettatevi prestazioni esaltanti, ma per imparare, cominciare a muovere i primi passi e divertirsi è già più che sufficiente.  Questi i requisiti minimi per poter utilizzare Blender:

- Processore DualCore
- 2GB Ram
- Sk Video OpenGL 2.1
- Mouse 3 tasti

Ringraziamenti
Ringraziamento speciale a l'Admin Spaventapasseri e ai moderatori Bobol e Vect per il prezioso contributo alla stesura di questa guida.
« Ultima modifica: 12 Dicembre, 2017, 18:40:29 pm da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.1 Introduzione a Blender.
« Risposta #2 il: 24 Novembre, 2017, 09:52:08 am »
1.1 Il cuore di Blender.

Se potessimo riassumere Blender potremmo senz’altro farlo partendo da questa piccola e semplice immagine, l'Editor Type , richiamabile da ogni finestra tramite l’apposita icona (Fig.1).


Fig.1

Questo è l’elenco completo dei Blender Editor. Ognuno di questi Editor, ha un compito ben specifico e tutti insieme danno vita a Blender.  Anche se non propriamente corretto, per convenzione d’ora in poi chiameremo questi Editor, Moduli.

Per semplificare e per cercare di essere il più schematici possibile,  possiamo dire che:

1. Blender è essenzialmente un insieme di Moduli (quelli che vedete elencati in fig.1)
2. Questi Moduli possono essere richiamati a piacere all’interno di una finestra
3. Più finestre possono essere a loro volta contenute in un Layout


Viene da se, che quella che forse è la principale forza di Blender, è anche la cosa che all’inizo potrebbe disorientare di più. Per tale motivo cercerò di essere il più dettagliato possibile su questo aspetto, soffermandomi  più a lungo sull’interfaccia. E’ importante,  nel prosieguo  del vostro percorso formativo (qualunque esso sia), non avere lacune. Consiglio di curare particolarmente questo aspetto di Blender.
« Ultima modifica: 12 Dicembre, 2017, 18:34:29 pm da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.2 Anatomia di una Finestra (Modulo) di Blender.
« Risposta #3 il: 24 Novembre, 2017, 09:53:03 am »
1.2 Anatomia di una Finestra (Modulo) di Blender.

T e N, T e N, T e N… ripetete queste due lettere come un mantra fino allo sfinimento!
Alcuni Moduli (ricordate fig.1?) prevedono una barra laterale SX e una barra laterale DX, chiamate rispettivamente Tool Shelf e Properties Shelf (fig.2). Queste barre possono essere richiamate a piacere dall’utente e come avrete già intuito, per visualizzarle o nasconderle, si usano rispettivamente il tasto T e il tasto N.
E’ importante che memorizziate  questi due shortcut, perché sono fondamentali nella creazione di una propria area di lavoro o per ottimizzare lo spazio a vostra disposizione.
Ogni finestra, oltre alle già citate Tool Shelf (T) e Properties Shelf (N) prevede anche un terzo elemento, l’Header (fig.2).


Fig.2

L’Header, possiede tutta una serie di funzionalità proprie di uno specifico Modulo. Faccio due esempi:

1. L’Header del Modulo ‘Info’ prevede tasti e caselle specifiche che riguardano la gestione dei file (Apri, Salva, Importa, Esporta,ecc.), dei file di configurazione, dei template, del motore di rendering e molto altro.
2. L’Header del Modulo ‘3D View’ invece ha proprietà rivolte alla gestione della scena 3D (View, Select, Add, Object, Shading, Manipolatori, Layer, Snap, ecc.).

Questo vale per tutti i moduli. Ogni modulo possiede un proprio Header con determinate proprietà esclusive.

Una caratteristica degli Header è che possono essere posizionati in alto o in basso e questo potrebbe creare confusione all’inizio. Comunque sappiate che anche questa scelta è a discrezione dell’utente. Per farlo è sufficiente posizionarsi sulla barra dell’Header e con un semplice RMB  scegliere la sua posizione (Fig.3).


Fig.3
« Ultima modifica: 24 Novembre, 2017, 10:02:02 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.3 Anatomia dei Layout di Blender
« Risposta #4 il: 24 Novembre, 2017, 09:53:45 am »
1.3 Anatomia dei Layout di Blender

Se dovessimo descrivere la schermata principale di Blender al primo avvio, la potremmo definire come un determinato Layout, diviso in più riquadri e dentro ogni riquadro un Modulo (Fig.4).


Fig.4

Al primo avvio, quello che visualizzerete sarà il Layout ‘Default’, ma scorrendo la finestra a tendina in alto (Modulo ‘Info’), noterete che ne esistono altri (Fig.5).


Fig.5

Ad esempio, scegliendo ‘Animation’ (Fig.6), quello che otterrete sarà una schermata completamente differente dalla procedente, tanto da portare un occhio inesperto a pensare si tratti addirittura di  un altro programma. In realtà guardando attentamente, si ripropone tutto quello visto fin’ora.


Fig.6

A costo di essere ripetitivo, quello che state osservando è un Layout diviso in più riquadri e dentro ogni riquadro un Modulo. I moduli complessivi di Blender sono 17, quelli già visti in figura 1.
Per fare pratica provate a sostituire il Modulo di ciascuna finestra con un altro, cliccando nei punti evidenziati in figura 7.


Fig.7
Già che ci siete, provate anche a ridimensionare le varie finestre trascinando con il mouse i bordi di ognuna e premere i tasti T e N  e vedere cosa succede.

Potete anche dividere ulteriormente le finestre o unirle. Per farlo avete due possibilità:

La prima tramite uno dei due triangolini presenti in ogni finestra (fig.8). Per lo ‘Split’,  effettuate un LMB e trascinate nella direzione desiderata. Per effettuare un ‘Join’ invece, seguite semplicemente il procedimento inverso.


Fig.8

La seconda richiede un RMB direttamente sulla barra divisoria di ogni finestra (come evidenziato in Fig.9). Si aprirà un piccolo menu a tendina dove potrete scegliere se fare uno Split o un Join. Fatta la vostra scelta seguite le intuitive indicazioni a schermo.


Fig.9

Non preoccupatevi, non potete far danni. Potrete sempre tornare alla situazione di partenza cliccando in alto a sx nel Modulo ‘Info’ su ‘File > New’ (CTRL+N) e succesivamente su ‘Reload Start-Up File’ (Fig.10). Tutto tornerà come prima.


Fig.10
« Ultima modifica: 24 Novembre, 2017, 10:54:23 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.4 Creare nuovi Layout personalizzati.
« Risposta #5 il: 24 Novembre, 2017, 09:54:29 am »
1.4 Creare nuovi Layout personalizzati.

Vediamo ora come creare Layout personalizzati in base alle nostre necessità. Per prima cosa createne uno nuovo partendo da quello di Default. Una volta selezionato quest’ultimo, fate click sul simbolo ‘+’ presente sulla barra in alto del Modulo ‘Info’ (Fig.11).


Fig.11

Otterrete un nuovo layout dal nome Default.001. Rinominatelo in ‘Prova Layout’ e provate, come fatto in precedenza, a spostare, ridimensionare e a cambiare moduli nelle varie finestre. Una volta finito, provate a passare da un layout all’altro, compreso il vostro. Come potete osservare Il vostro piano di lavoro personalizzato risulta già funzionante. Nel caso ora lo voleste eliminare  vi basterà semplicemente fare click sulla ‘X’ evidenziata in fig.11.
« Ultima modifica: 24 Novembre, 2017, 10:56:37 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.5 Utilizzare Blender con due o più monitor.
« Risposta #6 il: 24 Novembre, 2017, 09:55:05 am »
1.5 Utilizzare Blender con due o più monitor.

Grazie all’uso dei template appena visti e alla possibilità di aprire istanze multiple di Blender è possibile configurare Blender anche per l’uso di due o più monitor. Per farlo usate la combinazione di tasti Ctrl Alt W. Questo shortcut genera una nuova istanza di Blender, ma collegata alla prima. Anche se disponete di un solo monitor, vi consiglio comunque di fare una prova pratica.
Premete Ctrl Alt W e modificate a piacere i layout delle due diverse istanze di Blender. Sembrano solamente due sessioni dello stesso programma vero? Non è così! Provate a cancellare, il cubo di default presente nella 3D View (Fig.12). Per farlo selezionate il cubo tramite RMB (Right Mouse Button), premete il tasto X (comando ‘Delete’) e confermate.


Fig.12

Il Cubo è stato cancellato. Ora aprite a turno le due istanze, il cubo è stato eliminato da entrambe! Quindi le istanze sono collegate e spostandole, in monitor differenti, avrete di fatto attivato una sorta di DualHead. In fig.13 una configurazione tipo di Blender con due monitor attivi.


Fig.13
« Ultima modifica: 24 Novembre, 2017, 10:57:13 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
1.6 Rendere definitive le vostre modifiche (lo Start-Up File).
« Risposta #7 il: 24 Novembre, 2017, 09:55:43 am »
1.6 Rendere definitive le vostre modifiche (lo Start-Up File).

Come dice il nome, lo StartUp File (si, lo stesso file di cui abbiamo già accennato in fig.10) è il file che Blender carica all’avvio, quindi ogni modifica che vorrete rendere permanente dovrà essere scritta in esso. Il nome esatto è startup.blend e insieme al file userpref.blend è uno dei file che ha il compito di memorizzare le vostre preferenze.
Per rendere definitive le modifiche, vi basterà fare click su File > Save Startup File (Fig.14) e confermare. Ora, anche chiudendo e riaprendo il programma, le modifiche saranno permanenti.


Fig.14

Comunque, in qualsiasi momento, nel caso voleste ripristinare i settaggi predefiniti e ritornare alle condizioni di partenza, vi basterà richiamare, sempre dal menu File, il comando Load Factory Settings (Fig.15). Tutto tornerà come alla prima installazione (ricordate di salvare).


Fig.15

Per questo primo Capitolo dedicato all’interfaccia di Blender è tutto. Vi consiglio di esercitarvi con quanto illustrato finora prima di proseguire con la lettura della Guida.
« Ultima modifica: 11 Novembre, 2020, 10:33:43 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2.1 Le impostazioni di Blender.
« Risposta #8 il: 24 Novembre, 2017, 10:04:51 am »
2.1 Lo 'User Preferences' di Blender.

Blender come ogni programma che si rispetti possiede un proprio pannello dedicato alle impostazioni personali. Questo pannello può essere richiamato tramite File > User Preferences (Fig.16)


Fig.16

Lo User Preferences è diviso in 7 sezioni (tab) principali, esse sono: Interface, Editing, Input, Add-ons, Themes, File e System. Vediamole brevemente insieme.
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:13:32 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #9 il: 24 Novembre, 2017, 10:05:57 am »
2.2 ‘Interface’ Preference.

La Tab ‘Interface’ (Fig.17) come dice il nome, permette di gestire le opzioni dedicate all’interfaccia, come ad esempio le dimensioni dei Manipolatori (che vedremo più avanti), la visualizzazione dei ToolTips, le Info sugli oggetti e molto altro.


Fig.17

Da segnalare la possibilità di disattivare lo ‘Splash Screen’ (Fig.18) visualizzato all’avvio del programma.


Fig.18

Ricordate in caso di modifiche permanenti, di salvare lo User Preferences tramite l’apposito tasto in fondo alla pagina come evidenziato in Fig.17.
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:12:16 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #10 il: 24 Novembre, 2017, 10:06:30 am »
2.3 ‘Editing’ Preference.

La Tab ‘Editing’ (Fig.19) contiene impostazioni riguardanti la modalità di creazione degli oggetti, delle curve, i livelli di Undo e della Grease Pencil. Per il momento lasciate tutto com’è e proseguite alla Tab successiva.


Fig.19
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:12:06 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #11 il: 24 Novembre, 2017, 10:07:00 am »
2.4 ‘Input’ Preference.

La Tab ‘Input’ (Fig.20) comprende impostazioni che riguardano in particolar modo i dispositivi di Input, quindi Tastiera e Mouse. Se volete cambiare (ma non ve lo consiglio) gli shortcut di Blender di Default, questo è il posto giusto. Come già accennato durante la prefazione, qui se preferite, potete anche  cambiare il comportamento del mouse, decidendo di selezionare gli oggetti tramite il classico LMB al posto dell’RMB di Default.


Fig.20
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:11:55 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #12 il: 24 Novembre, 2017, 10:07:41 am »
2.5 ‘Add-ons’ Preference.

La Tab ‘Add-ons’ (Fig.21) permette di gestire i ‘plugin’ di Blender.  Sono divisi per tipologia in modo da facilitare la loro gestione e ricerca. In caso cercaste un determinato add-on e vi ricordaste il suo nome ma non la sua posizione, potete usare la comoda casella di ricerca. Moltissimi Add-ons sono già presenti in Blender, ma semplicemente non sono attivi. Per attivarli cercate l’Add-on e spuntate la relativa casellina per renderlo instantaneamente disponibile al programma, non c’è bisogno di  uscire da Blender e rientrare (Fig.21). Se è un Add-on che reputate possa servire spesso potete rendere la sua attivazione permanente salvando tramite l’apposito tasto ‘Save User Setting’, in caso contario al prossimo avvio non sarà più attivo.


Fig.21

Nel caso invece vogliate aggiungere altri Add-ons, vi basterà utilizzare il tasto ‘Install Add-on from File’ (Fig.21). Gli Add-ons di Blender sono file di testo che utilizzano il linguaggio di programmazione Python e hanno estensione .py. Solitamente si trovano in rete in formato .zip e  in questo caso non necessitano di essere scompattati, per l’installazione potete utilizzare direttamente il formato compresso.
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:11:47 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #13 il: 24 Novembre, 2017, 10:08:32 am »
2.6 ‘Themes’ Preference

Blender supporta i Temi grafici, questo vuol dire che l’utente può decidere i colori e i font che preferisce. La Tab ‘Themes’ (Fig.22) permette appunto la gestione dei Temi (e la loro modifica). Ne esistono di già installati e potete familiarizzare con loro provandoli uno ad uno. Scegliete quello che più vi piace. E’ possibile installarne anche di nuovi e vale lo stesso discorso fatto in precedenza con gli Add-ons. Anche in questo caso se volete rendere il Tema permanente ricordatevi di salvare tramite l’apposito tasto.


Fig.22
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:11:36 am da CyberJabba »

CyberJabba

  • Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 626
  • Karma: 11
    • Mostra profilo
    • CyberJabba Blog
2 - Le impostazioni di Blender.
« Risposta #14 il: 24 Novembre, 2017, 10:09:21 am »
2.7 ‘File’ Preference.

La Tab ‘File’ (Fig.23) permette di configurare le directory predefinite e altre operazioni sui files di Blender.


Fig.23

Tra le altre opzioni  che potrebbero interessare troviamo l’Auto Save, i Recent Files e il formato di salvataggio (Compress File).
« Ultima modifica: 13 Dicembre, 2017, 11:11:27 am da CyberJabba »

 


* shoutbox

Refresh History
  • La shoutbox non e' per supporto,per favore aprite un post per quello.Grazie
  • bobol: byeee
    03 Aprile, 2021, 17:26:21 pm
  • vect: AUGURISSIMI... :emoticon_cincin:
    04 Aprile, 2021, 11:45:20 am
  • bobol: byeee
    04 Aprile, 2021, 11:49:25 am
  • bobol: antongue
    06 Aprile, 2021, 17:05:06 pm
  • vect: ...Bonjour... bow
    07 Aprile, 2021, 05:52:18 am
  • bobol: anread
    07 Aprile, 2021, 09:15:47 am
  • bargos1: vorrei aprire un post ma non ci riesco
    08 Aprile, 2021, 11:58:42 am
  • spaventapasseri: Ciao bargos1 vai nella sezione che ti interessa e in alto trovi scritto nuovo topic, ci clicchi e puoi iniziare
    08 Aprile, 2021, 12:18:01 pm
  • bobol: byeee
    09 Aprile, 2021, 12:52:48 pm
  • bobol: anread
    11 Aprile, 2021, 18:30:05 pm
  • bobol: byeee
    12 Aprile, 2021, 07:15:46 am
  • zeroc: anread
    13 Aprile, 2021, 12:39:46 pm
  • vect:
    15 Aprile, 2021, 07:45:12 am
  • zeroc: byeee
    15 Aprile, 2021, 10:49:49 am
  • bobol: scgg
    15 Aprile, 2021, 16:00:30 pm
  • bobol: shavingsss
    17 Aprile, 2021, 08:37:29 am
  • bobol: byeee
    17 Aprile, 2021, 15:20:04 pm
  • bobol: :emoticon_cincin:
    18 Aprile, 2021, 15:13:16 pm
  • vect: ...E andiamo...Svegliaaaaa
    19 Aprile, 2021, 15:14:10 pm
  • bobol: Pepperepeeeee
    19 Aprile, 2021, 15:31:37 pm
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.